Insuflaggio pareti

Coibentazione delle pareti esterne dell’edificio un grande risparmio energetico con un intervento alle pareti e al sottotetto.

La maggior parte delle nostre abitazioni e’ dotata di una cassa vuota tra le murature perimetrali, detta intercapedine. Questa, generalmente è priva di alcun tipo di isolante, in altri casi ha al suo interno un pannello di polistirolo o lana di vetro , assolutamente insufficiente a garantire un corretto isolamento.
L’aria contenuta all’interno dell’intercapedine, si raffredda in inverno e si riscalda in estate, trasmettendo all’interno delle nostre abitazioni rispettivamente freddo o caldo.
La soluzione è quindi riempire questo spazio vuoto con un materiale coibentante, traspirante ed ecologico. I fiocchi di cellulosa rispettano tutte queste caratteristiche.

INCLUDEPICTURE

MERGEFORMATINET

INCLUDEPICTURE



L’intervento consta nel praticare dei piccoli fori, all’interno o all’esterno delle murature perimetrali,  per riempire la cavità con  i fiocchi di cellulosa insufflati sino a completa saturazione.
La posa avviene in modo veloce e pulito, (normalmente un appartamento si isola in una giornata) e non necessita di particolari interventi murari.
La cellulosa sfusa si usa anche come ottimo isolante nei sottotetti non abitati o nelle falde dei tetti nuovi o esistenti.

Le murature così isolate permettono di ridurre drasticamente le dispersioni termiche tra interno ed esterno, permettendo un risparmio sulle bollette da un 30% fino a un 50 % è significativa la differenza di dispersione tra l’appartamento al piano inferiore (non isolato con intercapedini vuote ) e quello al primo piano già oggetto di insuflaggio nelle intercapedini

COME AVVIENE UN INTERVENTO DI COIBETAZIONE CON INSUFLAGGIO NELLE PARETI:

ESECUZIONE INSUFFLAGGIO

Si esegue una videoispezione per valutare la presenza di legature o corpi estranei nella cassa vuota

Poca invasività dell’istallazione che può avvenire indistintamente  dall’interno o dall’esterno delle murature praticando dei piccoli fori a distanza di circa 2 mt per mezzo di una carotatrice aspirante, senza alcuna preparazione particolare, se non spostare i mobili a ridosso delle pareti stesse

Si riempiono quindi le intercapedini “soffiando” all’interno la cellulosa fino a completa saturazione. Vengono quindi chiusi i fori e ripristinata la superficie iniziale

CONCLUSIONE E VERIFICA

Un nostro tecnico esegue  i controlli finali e consegna la certificazione e la documentazione per gli sgravi fiscali.